Libel Seva “K: IL DOLORE DI CHI TI E’ VICINO”

La mia malattia ha messo mio marito nel ruolo di spettatore, passivo e privo di possibilitĂ  di agire. Una posizione che porta dolore e sofferenza, ma che spesso non viene riconosciuta dagli altri.