Libel Seva – FARMACOLOGIA DELL’ANIMA

“I medici sono medici, ma proprio per questo dovrebbero avere una mente e un cuore pronti a studiare, scoprire, non rifiutare a priori. Combattere i ciarlatani non è sbraitare ai quattro venti: non è essere iperscientifici o iperolistici. La via sta in un mezzo ampio, amorevole, colto, curioso, disposto a scoprire qualcosa più in là. […]

Libel & Vally sul Corriere della Sera “Malattia come Opportunità “

il Corriere della Sera pubblica oggi un nostro articolo nella Sezione “Salute”
leggete e condividete!

Libel Seva “NELL’ABBRACCIO DELLE MIE AMICHE”

Ho sempre vissuto in una comunità di donne. Senza nulla togliere a marito uomo e figlio maschio, le amicizie femminili sono una parte essenziale della mia vita.   Le mie amiche non si conoscono tra loro, perché sono sparse in vari luoghi e, per lo stesso motivo, alcune non le incontro da anni.  Ma se devo scomodare la […]

Libel Seva: Il cancro e il Ponte

Ore 6,36 – 14 agosto 2018 Sono in coda sul viadotto della tangenziale, direzione primo check point oncologico: il controllo a tre mesi dalla diagnosi di GIST. Nella mia macchina c’è un’atmosfera pesante, ho una borsa piena di impegnative per TAC e analisi del sangue. Nelle altre macchine, c’è atmosfera da vacanza e borse piene […]

Vally “FARFALLE AVVELENATE”

quando ti accorgi di essere come una farfalla che non è stata avvisata della fine della estate, comprendi la tua paura di dover volare nell’ oscurità pur di vincere la malattia. E sai di non essere nemmeno una falena!

Libel Seva “CRONACHE DI UN’ESTATE D’OMBRA”

Ogni cambio di stagione richiede un bilancio: L’estate 2018 passerà alla storia come quella in cui ho vissuto sempre in chiusa in casa, causa la pelle intollerante a sole e caldo, per effetto della mia chemio. Tutto si è conclamato quando, aprendo il mio armadio, ho pronunciato la classica frase: “Ma io non ho niente da […]

Libel Seva “VIVERE, NON SOLO SOPRAVVIVERE AL K”

La differenza tra vivere e sopravvivere diventa ancora più grande se di mezzo c’è il Fattore K. Per uscire da una malattia che ti toglie il futuro, niente è meglio di puntare dritto al futuro e fare progetti. “Vivere e Sopravvivere” sono due strade diverse. Ho sempre avuto ben chiara questa differenza, anche per il mio lavoro […]

Libel Seva “COSA INSEGNA UN TUMORE A UN’INSEGNANTE”

Come insegnante di yoga, comunicare  alle mie classi che stavo facendo accertamenti per il Fattore K è stato difficile, ma si è trasformato in un momento che ha portato condivisione e sostegno anche per me. Cambio di prospettiva inatteso Ricordo le facce attonite delle persone che mi stavano più vicino nei quei primi momenti della […]

Libel Seva “I CAMBIAMENTI IN SEI MESI DI K”

Ho appena festeggiato il primo semestre di K! E’ necessario fare il punto di quello che è cambiato dal momento in cui la mia vita ha imboccato il binario K. Sono una persona metodica,   userò l’alfabeto. Ma dato che sono anche creativa,  metterò le  lettere  a casaccio. Questa la lista dei cambiamenti nella mia vita dovuti ai […]

Libel Seva “UNA FAVOLA PER VINCERE LA PAURA DEL K”

Ci sono momenti in cui crollo.  Nella mia vita col tumore non sto sempre bene, non ho sempre voglia di scherzare. Ho bisogno di speranza, e questa me la può dare anche una favola. So che è inevitabile, un K non è uno scherzo, ma mi colpisce come  questo crollo abbia caratteristiche strane. Perché non ho la […]

Libel Seva “UNA CHEMIO PER AMICA”

  Dalla biopsia sono caduta nella terapia. Questo significa che, da una vita di cure unicamente omeopatiche, sono caduta in un percorso di chemioterapia. Un percorso che mi da sollievo perché mi salva la vita, ma che mi fa paura perché mi sembra aggredisca profondamente il mio corpo. La scelta è indiscussa, senza esitazione ho […]

Libel Seva: ONCOLOGICAMENTE GRAVE MA NON SERIA!

Avere un tumore non vuol dire perdere la propria identità, ed è stato importante restare me stessa anche nella malattia. Soprattutto, ho voluto mantenere la mia consueta voglia di gioco e di ironia, come fosse una “luce” di benessere per me e per gli altri.

Libel Seva “K: IL DOLORE DI CHI TI E’ VICINO”

La mia malattia ha messo mio marito nel ruolo di spettatore, passivo e privo di possibilità di agire. Una posizione che porta dolore e sofferenza, ma che spesso non viene riconosciuta dagli altri.